Spazi

Il rumore dei tacchi mi risveglia dai miei pensieri. Qualcuno mi investe con il suo corpo. Non mi chiede scusa. Alzo lo sguardo e lo guardo negli occhi. E’ triste. Sono triste anche io. Sono triste di una tristezza convenzionale, quella che si incontra in quasi tutti gli sguardi. Mi ferisce essere così uguale anche nella mia tristezza al resto. Avrei potuto scegliere di distinguermi almeno in questo.

Piove.

Non ho aperto l’ombrello mi serve per disegnare il tuo anonimo nome sul manto stradale. Potrei stare ore e ore sotto la pioggia e non bagnarmi affatto. Come una lapide di granito. Non penso che la morte possa essere qualcosa di diverso. Penso di essere morto o di stare morendo. Che differenza fa?

Disegno il tuo nome. Disegno solo il tuo nome con la punta del mio ombrello. Quanto è bello il tuo nome! E’ bello scriverti, ma la pioggia cancella tutto, la luna sorride del mio cercare di scriverti sulla strada, accanto ai miei piedi, renderti eterna, imprimerti sulla terra. Ride la luna. Che ne sa la luna?

Aspettarti è faticoso. In mezzo alla piazza sotto la pioggia. A Santa Croce, che fatica! Dondolo. So che arriverai in ritardo, tu arrivi sempre in ritardo, arrivi di corsa con le mani unite preghi il mio scontato perdono, arrivi con il tuo sorriso perfetto, mi prendi la mano e mi dai un bacio. Io sento il tuo arrivo dal rumore dei tuoi tacchi dal tuo passo leggero e alzo lo sguardo per prendermi tutto il tuo rituale. Non lo sai, ma con te sono sempre in anticipo, mi piace aspettarti qui in piazza Santa Croce.

Mi sembra che il tuo sorriso sia l’unica cosa al mondo che abbia un senso, so che non ha senso nemmeno il tuo sorriso e che la mia attesa è inutile e vana, e che sono qui ad aspettarti perché riempi i miei tempi vuoti. Solo perché riempi miei tempi vuoti. Ride di nuovo la luna. Che ne sa la luna di cosa vuol dire avere i tempi vuoti?

Non ti amo, come tutti gli altri non ti amo nemmeno io, avrei potuto distinguermi in questo, ma non ci sono riuscito e a pensarci bene non ho nemmeno voluto. Perché amarti? Perché amare?

Non ha senso niente, nemmeno la luna che ride della mia fatica, non hai senso nemmeno tu, e non hanno senso i nostri incontri e i nostri viaggi circolari. Pensavo che tu potessi dare un senso ai miei sterili viaggi circolari, che potessimo essere compagni di viaggio per sostenerci un po’. Ma il tuo corpo riempe solo i miei tempi vuoti. Cos’è poi l’amore? Perché dovrei amarti?

Ti sto aspettando perché aspettarti riempe il mio tempo vuoto. Sento la tua assenza perché riempe il mio tempo vuoto.

Arrivi, ma non è il tuo corpo. Sorridi, ma non sono i tuoi denti. Mi prendi la mano, ma non è la tua mano. Mi baci, ma non sono le tue labbra. Che differenza fa? Un altro corpo riempirà i miei tempi vuoti. Chi sei tu del resto?

17 risposte a “Spazi

  1. hai mai pensato che ciò che è liquido, cadendo, genera forme perfette. E’ il solido che viola la forma, sia quando vola che quando sembra trovare qualcosa che lo uccide perché più forte.
    Sembra.
    E noi siamo impermeabili alla pioggia e a molto d’altro.

  2. Spesso è così. Spesso ci si accontenta di un corpo, di quella che tu definisci “la meccanica ancestrale dell’amore mediocre”. Spesso non si ha la forza di guardare oltre, di scegliere la strada più difficile che comporta più fatica e difficoltà, non si scelgono i passi, basta che ci sia qualcuno i cui passi aspettare. Non si ama e allora il tempo diventa vuoto, insignificante, insensato, ma solo in queste condizioni, quando invece l’Amore ti sceglie e soprattutto tu scegli l’Amore e non un tappabuchi non succede più, il tempo ha senso, i sorrisi hanno senso il dolore ha senso e l’assenza ha senso, il distacco ha senso, il dirsi addio ha senso, il sorridersi mentre ci si dice addio ha senso, baciarsi l’ultima volta ha senso… tutto aveva senso.

    Mi hai fatto venire voglia di tornare a casa, sedermi per terra in piazza Santa Croce, aspettare il sorriso perfetto e ascoltare chiacchiere assurde e silenzi dilanianti. Mi manca piazza Santa Croce, le sue luci e la Vita che incrociavo.

    Qui è tutto un riempire tempi vuoti.

  3. Stavo rispondendoti scrivendo un poema, ma mi ha ricaricato la pagina di sua spontanea volontà e cancellato tutto. Che giornataccia! Ritentiamo.

    Apprezzo molto intanto questo tuo tipo di commenti che rispecchiano molto la tua tendenza alla gratuità che tanto mi affascina.

    Ho letto da adolescente così tanto Hesse da non potere non nutrire dentro di me la speranza che l’Amore ci sia e che mi possa salvare. Ma è una speranza, non so quanto possa essere fondata.
    E’ che tutti hanno bisogno di una Erminia nella loro vita, qualcuno che faccia capire, sbagliato non capire, che faccia venire la voglia di capire, di amare, di rompere certi egoismi, e certe dinamiche, di fare da uragano e scombussolarti, e farti smettere per un attimo di pensare solo a te, di essere triste e vuoto, spostare il tuo centro di massa, e darti vita e darti vita e darti vita. Che ti faccia smettere di essere la tua tomba di granito, che ti riporti alla luce, che ti faccia rinascere, che sia Bellezza e te la faccia cogliere.

    Non tutti sono Erminia, non tutti sono disposti ad accogliere Erminia. Erminia non è per tutti, non tutti la vogliono. Non tutti vogliono l’Amore, è una crudeltà così grande questa.

    Per conto mio, fatta di materiale permeabile come sono, poco duttile e assai fragile cerco di resistere agli eventi cercando di non inaridirmi, combinando la mia appena giunta pace dei sensi con il mio eterno anelare all’Infinito. Riempire i tempi non mi è mai piaciuto figuriamoci quelli vuoti, cerco solo di imparare ad elaborare il lutto per potere poi ricominciare davvero, daccapo, che poi non è altro che quello che stai cercando di fare tu, tappando i buchi, ma chi ha detto che c’è qualcosa di sbagliato in questo? Prima o poi ti verrà forse la voglia di una Erminia o forse no… ma alla fine che importanza ha tutto questo?

  4. Eccome se ha importanza. Ha importanza perché non so se le cose che sto facendo sono quelle giuste, se le scelte che ho intrapreso sono quelle giuste, se ho avuto paura e non ho avuto il coraggio di combattere fino in fondo per tenermi stretta la mia Erminia, che mi ha riportato alla vita, se la persona che ho al mio fianco ora è la persona giusta, perché ho la sensazione di avere fatto un passo che non mi potevo permettere, perché so che io il lutto non l’ho affatto elaborato, ma ho solo cercato di non affrontarlo. Perché non ho affrontato il dolore e il senso di vuoto che mi ha lasciato in eredità l’allontanarsi della mia Erminia, perché scopro di fare le cose come un automa, perché capisco che non è sempre stato così, perché non so se i baci che do sono veri, perché non so niente, perché ho sbagliato tutto e sembra che tutti mi caschi addosso amplificato con nuove responsabilità che, ti giuro, non avrei mai voluto. Perché ho come la sensazione di essere imprigionato in una vita che non vorrei, che non ho la libertà che avrei voluto, e perché mi chiedo se l’Amore debba toglierti la libertà, impedirti di fare certe cose, perché non so se è compromesso, perché adesso sono pieno di compromessi, perché so che a qualche migliaio di chilometri di distanza c’è una persona che mi capisce come nessun altro, ma che io non riesco a capire come vorrei che io non posso averla come vorrei che io non l’ho mai avuta, che non posso amarla come si meriterebbe, e tutto questo adesso ha importanza.

    • ma chi cazz…. è questa erminia poi? amico mio, fratello, te l’avevo detto di fare attenzione non mi dai mai retta…

  5. Tutti sbagliamo non c’e alternativa. Il calabrone non potrebbe volare e vola, l’uomo per amore mette a disposizione la sua liberta e si chiede in continuazione cosa gli manca, l’uomo sceglie e si pente delle sue scelte, sembrerebbe inadatto all’amore ed invece solo quando ama vola. Forse basterebbe sapere che ogni volta e’ per sempre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...