La storia che uccide (un po’)

Siccome un paese che “elimina” la sua classe dirigente perché non rappresenta la volontà popolare, un paese che insorge tutto o quasi contro la sua classe politica, corrotta e incapace di dare riposte, un paese arrabbiato e sfinito a tal punto da cedere completamente ad una logica violenta e autodistruttiva  l’ho già visto; e siccome ho già visto come va a finire, e siccome diversi miei amici non hanno più un padre, siccome ho visto gente cadere come birilli; siccome so qual è il rumore della violenza e le impronte che lascia, siccome ancora ho paura dei fuochi di artificio che mi ricordano le bombe a mano, siccome ho visto bambini come me morire colpiti da chi giocava a fare il rivoluzionario; siccome ho visto cosa sia la violenza, e ho visto il cimitero allargarsi, e ho sentito i pianti di madri, padri, mogli, sorelle, figli; siccome tutto questo l’ho ancora davanti agli occhi ogni santo giorno e ancora mi toglie il fiato, e ancora mi uccide; io non posso, non posso davvero, capire coloro che lanciano sassi e spaccano vetri, incendiano macchine e distruggono e picchiano; non posso capirla io questa loro rivoluzione, non posso capire le bombe carta, i petardi, i fumogeni e i manganelli. No. Non ci riesco.

3 risposte a “La storia che uccide (un po’)

  1. ho passato giorni a spiegare senza riuscirci perchè certa violenza non mi convince, senza assegnare parti, ruoli o schieramenti. Senza dire chi ha torto o ragione. Senza per questo approvare un sitema, un governo e le anomalie delle forze dell’ordine. C’ho provato ma mi sono preso di Casiniano, di editorialista del Giornale e di moderato di centro. Le tue parole mi hanno convinto ancora di più…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...