Ho già visto tutto, perfino ciò che non ho mai visto e che non vedrò mai.

Sento, nel sentirla, una grande speranza; ma riconosco che la speranza è letteraria. Mattino, primavera, speranza, sono uniti in musica dalla stessa intenzione melodica; sono uniti nell’anima dallo stesso ricordo di un’uguale intenzione. No: se osservo me stesso come osservo la città riconosco che l’unica cosa che posso sperare è che questo giorno abbia una fine, come tutti i giorni. Anche la ragione vede l’aurora. La speranza che ho riposto in essa, se mai c’era, non era mia: era quella degli uomini che vivono l’ora che passa e dei quali ho assunto, senza volerlo, la consapevolezza esterna in questo momento.
Sperare? Cosa devo sperare? Il giorno non mi permette altro che il giorno e io so che esso ha un decorso e una fine. La luce mi anima ma non mi migliora, perché uscirò da qui come sono arrivato qui: più vecchio di ore, più allegro di una sensazione, più triste di un pensiero. In ciò che nasce possiamo sentire ciò che in esso nasce o pensare ciò che in esso dovrà morire. Ora, sotto la luce ampia e alta, il paesaggio della città è come quello di un campo di case: è naturale, è esteso. è strutturato. Ma anche nel vedere tutto ciò, potrò forse dimenticarmi che esisto? La mia consapevolezza della città è, dal di dentro la consapevolezza di me stesso. Mi ricordo all’improvviso di quando ero bambino e vedevo, come non posso vedere oggi, il mattino che sfavillava sulla città. Essa allora non sfavillava per me, ma per la vita, perché io allora non essendo cosciente, ero la vita. Vedevo il mattino e sentivo allegria; oggi vedo il mattino e sento allegria e divento triste. Il bambino è rimasto, ma è ammutolito. Vedo come vedevo, ma dietro agli occhi m vedo mentre vedo; e questo basta a oscurarmi il sole e a far diventare vecchio il verde degli albero e a fare appassire i fiori prima che fioriscano. Sì, una volta io appartenevo a questo luogo; oggi, ad ogni paesaggio per me nuovo ritorno straniero, ospite e pellegrino della sua presentazione, forestiero di ciò che vedo e sento vecchio di me.

Tratto dal “Libro dell’inquietudine di Bernardo Soares” di Fernando Pessoa

Annunci

Sempre in prima fila ma senza possibilità

Capita a volte che manchino le parole, che non si riesca più a scrivere, che ci sia talmente tanta confusione nella tua testa da non tentare nemmeno lontanamente di dare un ordine ai tuoi pensieri. Capita anche che intorno e dentro di te tu veda vuoto, distruzione e macerie, e non trovare in tutto questo niente di nuovo e meritevole di essere raccontato. Capita anche che tutto questo ti soffochi e che ti privi non solo del pensiero, ma che ti tolga lentamente piano piano la stessa capacità di respirare. Allora in apnea cerchi qualcosa che rappresenti seppur lontanamente  il tuo momento. E allora…